Ada Nada Verticale Barbaresco VI Annate III Cru

335,00 € IVA inclusa

6 bottiglie:
Barbaresco Cichin 2004, 2005, 2011

Barbaresco Valeirano 2004, 2011

Barbaresco Elisa 2011

Produttore: Ada Nada

Il Nebbiolo, allo stato puro nelle tre versioni interpretative, a testimoniare le sfaccettature dei piccoli Cru: Cichin, Valeirano e Rombone.

Il Barbaresco si espone e si colora come la coda di un elegante pavone.

Tante sono le sfumature di questo vitigno nobile della terra langarola, che nella sua realizzazione trova l’espressione profonda e leggera del suo carattere. Dai risvolti suadenti del Valeirano, tannini dolci ed eleganti dell’Elisa, all’appagante persistenza e grande personalità del Cichin, una gamma che fonde nobili complessità intervallate dall’unicità dell’annata.

  • ( I ) Ada Nada Barbaresco Cichin 2004

    Una bella apertura per il Cichin 2004, pur essendo ancora molto compressa dall’austerità intrinseca di cui è dotato questo Barbaresco. Un quadro olfattivo già formato, preciso e di esponenziale generosità. Ci sono tanti fattori che li conferiscono qualità, a parte l’annata che ha enfatizzato ulteriormente la sua imponente struttura come una resa bassissima che ha potenziato già l' alta percentuale delle componenti estrattive. Potranno solo che migliorare i profumi del Cichin col passare del tempo, intanto ci godiamo la sua floreale eleganza, racchiusa in una cornice di erbe officinali e sottobosco.

    Scheda del vino >
  • ( II ) Ada Nada Barbaresco Cichin 2005

    I tratti giovanili del 2005 ci fanno capire quanta strada ha da percorrere questo Barbaresco. Nobile, forte e langarolo, emana ad oggi sensazioni minerali che fanno parte del suolo dove dimorano le viti di Nebbiolo. Ha una carica solare dovuta all’esposizione a sud, le uve mature hanno potuto godere a lungo dei suoi benefici, apportando al futuro vino, il corpo e l’equilibrio. Si pone composto nel bicchiere e coeso nella forme rotondeggianti dei suoi profumi, che risultano di grande raffinatezza. Chiodi di garofano e humus esordiscono al naso per proseguire con grande classe con l’assaggio compiuto e ben fatto.

    Scheda del vino >
  • ( III ) Ada Nada Barbaresco Cichin 2011

    Si, quattro anni per un Barbaresco Cichin sono decisamente pochi per apprezzare a 360° la sua classe, ma sufficienti per capirne il suo potenziale. Ha molto e può solo che migliorare quello che già possiede. Una carica di tannini di grande stoffa e precisione si affianca ad una vigorosa acidità: connubio di vitale importanza per gli anni a venire. Il colore vivido rubino con guizzi granato svela i tratti giovanili del vino, che all’assaggio riconferma la sua giovane età.

    Scheda del vino >
  • ( IV ) Ada Nada Barbaresco Valeirano 2004

    È un vino gioviale e comunicativo, si svela gradualmente facendo emergere il suo profilo fruttato - floreale di larga espansione. Figlio di un’annata felice, è dotato di un corpo ben strutturato che lo rende appagante e desiderabile al sorso. Il doppio passaggio,prima in legno grande e poi in quello piccolo, apporta note di balsamicità e spezie dolci. I profumi ceduti dal legno si integrano alla perfezione alle particelle odorose del nebbiolo, dando vita a un rapporto felice e di lunga durata.

    Scheda del vino >
  • ( V ) Ada Nada Barbaresco Valeirano 2011

    Nella veste giovane, spigliato e con un tono di nonchalance, Valeirano 2011 si mostra senza veli nella sua apertura interpretativa. Un naso finissimo di mirtillo e rosa appassita abbraccia in piena armonia le note più scure e profonde di una mineralità echeggiante. Ha una beva coinvolgente dal sorso appagante ed equilibrato, caratterizzato da una chiusura morbida di spezie orientali.

    Scheda del vino >
  • ( VI ) Ada Nada Barbaresco Elisa 2011

    Un vino dalla stesura nobile e levigata, langarolo per vocazione, tradizionale per scelta. La sua forza trascendentale deriva da un insieme di fattori che concorrono ad una creazione peculiare, è l’utilizzo di botti grandi di rovere che determina il suo classicismo. I sentori che ne derivano, sono il riflesso di tratti caratteriali austeri e pieni di rigore, in attesa della loro fisiologica apertura. Il registro gusto – olfattivo odierno, è in continua espansione, e preannunzia uno sviluppo progressivo di notevole profondità e raffinatezza durante il processo di affinamento. Resta il fatto che la classe e l' eleganza pur in forma calibrata trasmettono emozioni imperdibili: prugna secca, tabacco, corteccia, timo, capperi, salamoia, arancia candita amara, carruba e lavanda.

    Scheda del vino >