Ada Nada Verticale Storica Langhe terroir VI Annate

292,00 € IVA inclusa

6 bottiglie:
La Bisbetica Langhe Rosso 1997, 1998, 2000, 2001, 2004, 2005

Produttore: Ada Nada

In questa rappresentazione si ha la possibilità di constatare il vero clima langarolo: il nebbiolo è contrapposto ad un'intrigante mélange con la barbera.

La Bisbetica è l’espressione fondamentale dell’azienda Ada Nada, vini di grande rilievo, capaci di risollevare le voci del passato e altrettanto stupire nel futuro. Si mostrano uniti ma diversi, ognuno con la sua decisa impronta territoriale, fedeli espressioni dell’annata di origine. Soddisfacenti al palato con profonde note di sottobosco, spezie e frutta in confettura. Si fanno apprezzare per la loro compostezza e lo sviluppo del terziario, equilibrati e pieni nel carattere gusto – olfattivo.

Una volta scoperti, difficile farne a meno, il loro ricordo, ricco di sfumature odorose e sagome tinteggianti, permane indelebile nella memoria evocando un quadro fascinoso di rara bellezza.

  • ( I ) La Bisbetica Langhe Rosso 1997

    Il bagaglio olfattivo di questo stupendo rosso riflette l’equilibrio dell’annata. Una successione di aromi cadenzata e a lungo rilascio. La sensazione oggettiva all’assaggio denota uno sviluppo orizzontale della massa vinosa, il corpo e la struttura conferiscono completezza e appagamento. Profumi di tamarindo e humus, salmastro, china e papavero. Una nota pseudo calorica contempla la chiusura, dispiegata su un fondo balsamico.

    Scheda del vino >
  • ( II ) La Bisbetica Langhe Rosso 1998

    Essendo sulla scia della grandiosa annata precedente, anche la versione 1998 si è rilevata una tra le migliori. I vini risultano equilibrati, ricchi di estratti e proiettati nel futuro. L’elegante quadro aromatico di questo vino si misura nell’apertura iniziale, proseguendo poi in giuste proporzioni anche con le altre componenti. Una nota boschiva di funghi, muschio, corteccia, foglie bagnate chiude sulle sensazioni di speziatura dolce.
    Scheda del vino >
  • ( III ) La Bisbetica Langhe Rosso 2000

    Che bella annata quella del nuovo millennio, un po’ bizzarra un po’ tutta a sé. Danno dei risultati inaspettati quelle annate che camminano tutte solitarie e non assomigliano a nessun’altra. Le emozioni che riescono a trasmettere si intravedono nell’originalità dei profumi e nello sviluppo futuro che riescono a riservare. Ecco perché nella Bisbetica 2000 c’è un’aria diversa che snellisce l’esecuzione progressiva della sua carica aromatica e la stessa struttura. C’è più disinvoltura e spensieratezza, piacevolezza nella beva, una finestra aperta al mondo.
    Scheda del vino >
  • ( IV ) La Bisbetica Langhe Rosso 2001

    Un vino di quattordici anni alle spalle e tante primavere davanti a sé. Si affinano a perfezione i vini che hanno “in saccoccia il lasciapassare” dell’annata favorevole. Qui la situazione migliora di anno in anno, i profumi si trasformano in versioni più complesse e affascinanti, la schiera che li compone sembra che voglia parlare a lungo. Ad oggi il vino si tinge di un carattere ben definito che evolve in continuazione e in modo migliorativo. I profumi si formano in gruppi sovrastati tra di loro, si spostano, proseguono e si schiudono sempre insieme e senza separarsi.
    Scheda del vino >
  • ( V ) La Bisbetica Langhe Rosso 2004

    Di meglio in meglio, a volte dire di più risulterebbe superfluo. È un vino da cercare, tenere e bere tante volte. Si pone nella sua migliore forma la Bisbetica di questo millesimo, gode della generosità acquisita regalando dei momenti di grande felicità. Ogni tanto ci capita che degustando un vino si cerchi il silenzio, ecco questo è un vino che non vuole parole, desidera di essere contemplato a fondo senza rumoreggiare. Cerchio di piccoli frutti di rovo, foglie di alloro, pigne, castagne, rabarbaro, legno di ciliegio, cera d’api, lapis, lana, tartufo.
    Scheda del vino >
  • ( VI ) La Bisbetica Langhe Rosso 2005

    Dieci anni trascorsi al meglio. L’unione tra il nebbiolo e la barbera si conferma un blend vincente. Stemperare gli spigoli della barbera acquisendo in nobiltà dal nebbiolo apporta a questo vino un carattere del tutto suo, che si propone unico e irripetibile. Anche il momento della vendemmia diversa per le due qualità dà un input maggiore alla dinamicità fisica di questo vino. Coadiuvati da una prestante energia assistiamo ad una sfilata variopinta autunno/inverno: cotognata, cognà, foglie secche, corteccia di liquirizia, grano saraceno, marzapane, amarene sciroppate, china, arancio candito amaro, cioccolato puro, foglia di fico.
    Scheda del vino >