Schoffit Pinot Gris Grand Cru Rangen Clos Saint – Théobald 2010

Una stagione fresca può rivelarsi salvatrice nei confronti delle uve, ad esempio proteggendole dall’invadenza solare che altrimenti avrebbe cotto gli acini. Grazie al tale compenso questo bianco nonostante un’alta concentrazione si presenta con un’agile freschezza. In Alsazia il rapporto tra gli zuccheri naturali, l’alcol e l’acidità determina la buona uscita di un vino, e l’aggregazione tra queste componenti definisce la sua qualità, cioè essere fini ed equilibrati, come questo 2010. I profumi ricordano il frutto maturo come pera, ci sono anche dei fiori e la sensazione minerale. Al palato il vino scorre setoso, è dotato di un’insolita ricchezza e complessità, rendendolo progressivo ed eterno. Non potete annoiarvi con lui!
Produttore: Schoffit
43,43 € IVA inclusa

Questo articolo è acquistabile anche tramite collezioni

Caratteristiche

  • Nome dell’azienda: Domaine Schoffit
  • Nome del vino: Pinot Gris Rangen Grand Cru Clos Saint – Théobald
  • Agricoltura: Integrata
  • Annata: 2010
  • Tipologia: Bianco
  • Vitigno: Pinot Gris 100%
  • Gradazione alcolica naturale: 13,6 %
  • Residuo zuccherino: 37 g/l
  • Acidità (tartarico): 9,5 g/l
  • Zona di produzione: nella regione Alsazia – località di Thann & Vieux – Thann – Grand Cru Rangen – Clos Saint Théobald
  • Composizione del terreno di Rangen Grand Cru – unico in Alsazia ad essere vulcanico; composto da rocce silicee a base di lava dal colore scuro, capaci di immagazzinare un buona quantità di calore necessaria per ottenere vini durevoli e complessi. Il territorio del Rangen si distingue per le sue ripide pendenze che oscillano tra i 60/70 di percentuale questa è una condizione alquanto singolare, che da un lato impone un’organizzazione lavorativa ad hoc piutosto eroica, dall’altro invece dona ai vini un insieme di benefici che portano questa collina ad essere la più rinomata dell’Alsazia. Essendo Rangen il vigneto più meridionale di tutta la regione, tale requisito gli permette di apportare alle uve caratteristiche di maturità e compiutezza, che nei vini si trasformano in un carattere di precisa eleganza, complessità e originalità.
  • Altitudine: 320 - 450 m/ s.l.m
  • Esposizione: Sud
  • Forma di allevamento
  • Età del vigneto: 20/25 anni
  • Densità media ceppi per ettaro
  • Resa per ettaro
  • Modalità di vendemmia: manuale eroica
  • Periodo di vendemmia: ottobre
  • Macerazione
  • Lieviti indigeni
  • Legni utilizzati
  • Recipienti utilizzati: acciaio
  • Affinamento in bottiglia: 18 mesi
  • Capacità di invecchiamento: + 10 anni
  • Produzione media annuale

 

Considerazioni sull’annata 

Freschezza e diminuzione sensibile della resa sono le parole chiave dell’annata 2010.

Le annate si susseguono e non si assomigliano in Alsazia. Ogni millesimo porta con se sorprese sia per quanto riguarda il tempo sia per quanto riguarda il comportamento della vigna. Per i professionisti il 2010 è stato un anno complesso e difficile. Non a caso, infatti, è raro che un’annata sia determinata in modo così marcante dalle condizioni climatiche. Tuttavia, posso affermare che dal punta di vista commerciale sui vini del genere si possono attuare dei validi investimenti, la loro spigliatezza e una naturale tensione nervosa consente al vino di esprimersi nella sua pienezza durante il periodo a lunga scadenza.

 

Notizie Relative all’andamento climatico

L’inverno è stato lungo e rigido con temperature molto basse (sino a ‐ 20°C solo a Colmar a fine dicembre). Gli appezzamenti terrieri più giovani sono stati particolarmente toccati (germogli gelati), in particolar modo quelli di Gewürztraminer. Dopo una germogliazione tardiva verso la metà di aprile, a inizio maggio il clima è stato più piovoso e fresco. Le temperature elevate di fine maggio hanno permesso di recuperare una parte del ritardo registrato. La fioritura, intervenuta intorno al 20 giugno, è stata molto graduale a causa del gelo e dell’eterogeneità della germogliazione. La fecondazione, a causa delle temperature relativamente basse all’inizio del periodo, è stata perturbata portando con se colatura e acinellatura (in particolar modo sul Muscat Ottonel e Gewürztraminer). A seguire le alte temperature registrate all’inizio del mese di luglio hanno permesso di accelerare la maturazione e di limitare i rischi sanitari sul vigneto. Con l’avvicinarsi della vendemmia, i differenti controlli di maturità hanno confermato una buona concentrazione di zuccheri nell’uva così come delle acidità elevate. Tuttavia a causa del clima caotico, la maturità è rimasta eterogenea sia a livello di vitigni o di appezzamenti di differenti settori.

Specifiche di prodotto
Denominazione Rangen Alsace Grand Cru AOC