Ada Nada Barbaresco Cichin 2011

Si, quattro anni per un Barbaresco Cichin sono decisamente pochi per apprezzare a 360° la sua classe, ma sufficienti per capirne il suo potenziale. Ha molto e può solo che migliorare quello che già possiede. Una carica di tannini di grande stoffa e precisione si affianca ad una vigorosa acidità: connubio di vitale importanza per gli anni a venire. Il colore vivido rubino con guizzi granato svela i tratti giovanili del vino, che all’assaggio riconferma la sua giovane età.

Produttore: Ada Nada
Questo articolo è acquistabile esclusivamente tramite collezione

 

Caratteristiche

  • Nome del vino: Ada Nada Barbaresco Cichin 2011
  • Annata: 2011
  • Tipologia: Rosso
  • Vitigno: Nebbiolo 100%
  • Gradazione alcolica: 14,5 – 15%
  • Estratto Secco: 27 - 29 g/l
  • Zona di produzione: nella regione Piemonte Langhe comune di Treiso
  • Composizione del terreno: marna bianca calcarea leggermente argillosa di origine marina
  • Altitudine 200-350 m/s.l.m.
  • Esposizione: sud
  • Forma di allevamento:
  • Età del vigneto: 40 anni
  • Densità media ceppi per ettaro:
  • Resa per ettaro: 50 ql/ha
  • Modalità di vendemmia: manuale
  • Periodo di vendemmia: seconda/terza decade di Ottobre
  • Vinificazione: in vasche d’acciaio
  • Fermentazione: malolattica naturale
  • Affinamento: in botti grandi di rovere 18 – 20 mesi
  • Produzione media annuale: circa 4000 bottiglie
  • Capacità di invecchiamento: +25 anni

 

Considerazioni sull’annata

Dal punta di vista sanitario si è trattato di un’annata senz’altro positiva, con pochi trattamenti oculati si è ottenuta uva sana. Molti parametri analitici sono di livello elevato, in modo particolare per la carica polifenolica, determinante per l’affinamento dei vini. Un’ottima qualità che si manifesta in vini pieni, armonici e molto ricchi di colore.

 

Notizie Relative all’andamento climatico

La vendemmia 2011 si ricorderà nel tempo come un’annata fuori dagli schemi, infatti è stata molto precoce e con rese in vigneto non eccessive. Le piogge di inizio settembre unite ad un abbassamento delle temperature hanno consentito di raggiungere un pregevole equilibrio delle componenti fenoliche dell’uva favorendone la maturazione. Proprio questo aspetto è quello più interessante e di difficile interpretazione di questa campagna vendemmiale ovvero l’equilibrio tra le varie componenti: da quella zuccherina a quella acida senza dimenticare l’importantissima componente fenolica soprattutto per i vini di lungo invecchiamento.

Specifiche di prodotto
Denominazione Barbaresco DOCG