André Kientzler Auxerrois -K-2013

Auxerrois o Auxerrois Blanc di Laquenexy originario della Lorena in francese Alsace Lorraine dove veniva coltivato diffusamente nel secolo scorso sui pendii della Côtes – de - Toul. Un vitigno dai grappoli piccoli e compatti, matura nella prima epoca generando vini di gradevole scorrevolezza. Quello di Kientzler è un Grand Cru a tutti gli effetti, pur non potendo pretendere una tale denominazione in quanto prodotto dalle uve Auxerrois. Viene coltivato sulle colline di Kirchberg de Ribeauvillé, e assieme agli altri tre vitigni si spartisce una fetta di 1,63 ha del territorio marno – gessoso, ricco di elementi di natura dolomitica. Gli aromi di questo bianco mostrano una leggera nota di sovra - maturazione di frutti esotici, senza esuberanza. Tessitura concentrata che combina la profondità e la mineralità, la spina dorsale pungente (marcatore di Kirchberg) porta la consistenza e la morbidezza, con un finale delicato e delizioso. Un must come aperitivo! Nei primi anni mantiene tutte le sue qualità di ricchezza e di generosità aromatica. Conservandolo in cantina per 5/10 anni sarà in grado di rivelare la sua finezza e la complessità minerale, progressivamente costruendo un equilibrio più secco. Al di là di quel tempo, mostrerà nella totalità la brillantezza di un Grand Cru.

Disponibilità: Esaurito
Produttore: André Kientzler
Questo articolo è acquistabile esclusivamente tramite collezione

Caratteristiche

  • Nome dell’azienda: André Kientzler
  • Nome del vino: Auxerrois “K”
  • Agricoltura: Integrata
  • Annata: 2013
  • Tipologia: Bianco
  • Vitigno: Auxerrois 100%
  • Gradazione alcolica: naturale 14,0 %
  • Residuo zuccherino: 8,5 g/l
  • Zona di produzione: nella regione Alsazia – dipartimento Haut – Rhin – cantone – Sainte Marie – aux – Mines – cittadina di Ribeauvillé - colline di Kirchberg
  • Composizione del terreno: rocce caratterizzate da un rilevante contenuto fossilifero (1° periodo del Triassico) – terreni marno – calcarei con numerosi frammenti dolomitici – marna – dolomitica Muschelkalk
  • Altitudine: 270 - 350 s.l.m
  • Esposizione: Sud – Sud - Ovest
  • Età del vigneto: compresa tra 35 e 80 anni
  • Modalità di vendemmia: manuale
  • Periodo di vendemmia: settembre
  • Lieviti indigeni
  • Recipienti utilizzati: acciaio
  • Affinamento: in bottiglia
  • Capacità di invecchiamento: 5/10 anni
  • Produzione media annuale: 2.500

 

Considerazioni sull’annata

La 2013 è stata un’annata singolare, e non si farà facilmente dimenticare dai produttori alsaziani ma comunque grazie soprattutto alla loro esperienza il raccolto pur essendo stato precoce è risultato sano e di qualità.

Il clima fresco e molto umido che ha investito la regione Alsazia durante l’inverno e la primavera ha provocato una combinazione di condizioni bizzarre che sono perdurate fino al mese di giugno. La fioritura ha subito dei notevoli ritardi e barcollando nella sua irregolarità ha portato problemi di acinellatura e di frantumazione del fiore stesso. Dall'inizio dell'estate, una diminuzione del volume e un ritardo nella raccolta sembrava inevitabile. I mesi di luglio e agosto sono stati caratterizzati da forti ondate di calore, portando problemi di stress idrico in alcune zone. Le precipitazioni basse nel mese di agosto hanno permesso alle viti di recuperare un po' del loro lento sviluppo. I periodi di grandine visti attorno a Colmar hanno avuto per fortuna poco effetto.

Nel complesso, nel mese di settembre, le viti si dimostravano nelle condizioni di salute soddisfacenti. Gli alti livelli iniziali di acidità sono cessate, pur rimanendo con i valori favorevoli alla freschezza dei vini. Vale la pena di sottolineare che, all'inizio del raccolto la regione ha beneficiato, per una volta, di condizioni ideali climatiche: sole, temperature miti e freschezza notturna.

Auxerrois ha mostrato un bel carattere e la propria tipicità, inoltre ha neutralizzato egregiamente l’inconveniente delle precipitazioni piovose grazie alle condizioni favorevoli delle pendici ove dimora il vigneto. Per fortuna, la gestione vigorosa delle viti ancora una volta si è dimostrata fondamentale nel mantenimento della qualità. Alla fine, i vini mostrano un corredo aromatico complesso e maturo, con una buona consistenza al palato associata all’acidità ben definita: requisiti indispensabili per un duraturo affinamento in bottiglia capace di migliorare le caratteristiche del vino migliorandone i profumi e la struttura.

Commercialmente, la cifra totale per tutti i vini d'Alsazia venduti nel 2013 è 1,066,457hl (142,2 milioni di bottiglie). Questo volume rappresenta un aumento del 1,4% rispetto all'anno precedente, che è stato trainato dalle esportazioni che sono sensibilmente aumentate del 4,6%; il mercato francese, da parte sua, è rimasto stabile.

Specifiche di prodotto
Denominazione Alsace AOC