André Kientzler Alsace Selection III Grapes

204,00 € IVA inclusa
Tre espressioni di Alsace Selection III Grapes: Auxerrois, Gewürztraminer e Riesling.
Produttore: André Kientzler

La Selezione André Kientzler

Auxerrois, Gewürztraminer e Riesling, uve che rappresentano il territorio alsaziano tenendo conto della loro lunga memoria storica.

Nell’ordine di estensione Riesling è quello più diffuso, gli altri due ben radicati, pur con minor occupazione territoriale: Gewürztraminer con la sua disarmante carica aromatica ed Auxerrois estremamente indispensabile nel paniere dei bianchi alsaziani, e non può mancare in quanto facente parte delle più lontani tradizioni.

Di fatto i tre vini riflettono i tre Grand Cru, anche se solamente uno, il Gewürztraminer Grand Cru Osterberg 2012 riporta in etichetta la specifica dicitura, mentre la Cuvée François Alphonse è la sintesi di Geisberg e Ostreberg ed infne le uve di Auxerrois “K” che vengono coltivate sulle colline di Kirchberg. Complessità che ne deriva da questa selezione ci mette di fronte ad una realtà vinicola stratificata ed indissolubilmente classificata, questo grazie alla ricchezza dei suoli che “impongono” ai viticoltori una conseguente realizzazione.

  • ( I II ) André Kientzler Auxerrois -K-2013

    Auxerrois o Auxerrois Blanc di Laquenexy originario della Lorena in francese Alsace Lorraine dove veniva coltivato diffusamente nel secolo scorso sui pendii della Côtes – de - Toul. Un vitigno dai grappoli piccoli e compatti, matura nella prima epoca generando vini di gradevole scorrevolezza. Quello di Kientzler è un Grand Cru a tutti gli effetti, pur non potendo pretendere una tale denominazione in quanto prodotto dalle uve Auxerrois. Viene coltivato sulle colline di Kirchberg de Ribeauvillé, e assieme agli altri tre vitigni si spartisce una fetta di 1,63 ha del territorio marno – gessoso, ricco di elementi di natura dolomitica. Gli aromi di questo bianco mostrano una leggera nota di sovra - maturazione di frutti esotici, senza esuberanza. Tessitura concentrata che combina la profondità e la mineralità, la spina dorsale pungente (marcatore di Kirchberg) porta la consistenza e la morbidezza, con un finale delicato e delizioso. Un must come aperitivo! Nei primi anni mantiene tutte le sue qualità di ricchezza e di generosità aromatica. Conservandolo in cantina per 5/10 anni sarà in grado di rivelare la sua finezza e la complessità minerale, progressivamente costruendo un equilibrio più secco. Al di là di quel tempo, mostrerà nella totalità la brillantezza di un Grand Cru.

    Scheda del vino >
  • ( III IV ) André Kientzler Riesling Cuvée François Alphonse 2015

    Cuvée François Alphonse è il frutto dell’unione di uve Riesling provenienti dai due Grand Cru Geisberg e Osterberg. Posizionata a Ovest di Geisberg, la collina di Osterberg dona al vino note di sfumature minerali marcate e decise mentre i ripidi pendii geisberghani favoriscono la creazione di un imponente nerbo acido come pure i profumi, più taglienti e sottili. L’effetto finale oltre ad essere intrigante e originale, stimola la curiosità all’accostamento gastronomico. Si riscontrano una grande finezza aromatica con delicate sfumature floreali, bel corpo e una struttura contrassegnata dall’acidità spaziale e precisa. Una bella composizione minerale, grande eleganza e una lunghezza invidiabile si armonizzano in sapori variegati e complessi. Fine il retrogusto. In Alsazia non è consentita la mescolanza di diversi Grand Cru, di fatto la famiglia Kientzler decide di dedicare la Cuvée ai tre antenati: François il nonno (3a generazione) e Alphonse bisnonno e trisnonno (2 ° generazione - 1a generazione)!

    Scheda del vino >
  • ( V VI ) André Kientzler Gewurztraminer Grand Cru Osterberg 2012

    Osterberg è un Grand Cru di 24,60 ha di superficie, posizionato a ridosso della cittadina di Ribeauvillé tra i 250 e 350 m., i Kientzler ne detengono un piccolo appezzamento di appena 1,15 ha dove oltre a Gewürztraminer coltivano qualche filare di Pinot Gris e Riesling. Il suo bouquet con varie espressioni comunica con generosità evocando una serie di profumi accesi e stratificati tra di loro ma comunque estremamente varietali. Al palato, la sensazione fruttata si dilaga elegantemente intrecciandosi nella potenza minerale dai tratti morbidi e persistenti. Non sono da meno l’equilibrio, già fin d’ora, si mostra coeso nelle componenti glicerico/acido/sapide inoltre la tensione naturale del Osterberg si fonde a meraviglia con la generosità del Gewurztraminer. Questo vitigno in gioventù si pone fresco ed ampiamente aromatico perciò si possono apprezzare maggiormente le sue parti effimere assai coinvolgenti ed intriganti, col passare del tempo l’immediatezza odorosa cesserà il posto alla complessità gusto, olfattiva di natura speziata rendendolo nello stesso tempo più saldo e progressivamente più secco.

    Scheda del vino >