André Kientzler Alsace Classic Selection

215,00 € IVA inclusa
Disponibilità: Esaurito

Gruppo di vini composto da Auxerrois, Riesling, Gewürztraminer, Muscat e Pinot Gris dalla vicinanza italiana ma dal sapore così distante.

Produttore: André Kientzler

La Selezione André Kientzler

Il nome della selezione già di per se introduce nel mondo della ordinarietà classica viticola alsaziana. I vitigni più rappresentativi si snodano sulle alture nei pressi della cittadina di Ribeauvillé, che coabitano in un territorio disseminato da fitte parcelle e nomi precisi.

Auxerrois, Riesling, Gewürztraminer, Muscat e Pinot Gris in due versioni differenti, ogni uva interpreta con dignità la sua matrice territoriale.

Ho deciso di contemplare questo gruppo di vini pensando a coloro, che sono desiderosi nel conoscere una realtà vinicola solida e articolata come appunto quella alsaziana, che pur essendo relativamente così vicina all’Italia in effetti risulta così distante.

Alsace Classic Collection costituisce un valido esempio dell’identità fortemente difesa e custodita, in una terra multiculturale che nel corso dei secoli si è vista allineare le frontiere e rivendicare la propria vocazione, anche quella del patrimonio ampelografico.

  • ( I ) André Kientzler Auxerrois -K-2013

    Auxerrois o Auxerrois Blanc di Laquenexy originario della Lorena in francese Alsace Lorraine dove veniva coltivato diffusamente nel secolo scorso sui pendii della Côtes – de - Toul. Un vitigno dai grappoli piccoli e compatti, matura nella prima epoca generando vini di gradevole scorrevolezza. Quello di Kientzler è un Grand Cru a tutti gli effetti, pur non potendo pretendere una tale denominazione in quanto prodotto dalle uve Auxerrois. Viene coltivato sulle colline di Kirchberg de Ribeauvillé, e assieme agli altri tre vitigni si spartisce una fetta di 1,63 ha del territorio marno – gessoso, ricco di elementi di natura dolomitica. Gli aromi di questo bianco mostrano una leggera nota di sovra - maturazione di frutti esotici, senza esuberanza. Tessitura concentrata che combina la profondità e la mineralità, la spina dorsale pungente (marcatore di Kirchberg) porta la consistenza e la morbidezza, con un finale delicato e delizioso. Un must come aperitivo! Nei primi anni mantiene tutte le sue qualità di ricchezza e di generosità aromatica. Conservandolo in cantina per 5/10 anni sarà in grado di rivelare la sua finezza e la complessità minerale, progressivamente costruendo un equilibrio più secco. Al di là di quel tempo, mostrerà nella totalità la brillantezza di un Grand Cru.

    Scheda del vino >
  • ( II ) André Kientzler Riesling Cuvée François Alphonse 2015

    Cuvée François Alphonse è il frutto dell’unione di uve Riesling provenienti dai due Grand Cru Geisberg e Osterberg. Posizionata a Ovest di Geisberg, la collina di Osterberg dona al vino note di sfumature minerali marcate e decise mentre i ripidi pendii geisberghani favoriscono la creazione di un imponente nerbo acido come pure i profumi, più taglienti e sottili. L’effetto finale oltre ad essere intrigante e originale, stimola la curiosità all’accostamento gastronomico. Si riscontrano una grande finezza aromatica con delicate sfumature floreali, bel corpo e una struttura contrassegnata dall’acidità spaziale e precisa. Una bella composizione minerale, grande eleganza e una lunghezza invidiabile si armonizzano in sapori variegati e complessi. Fine il retrogusto. In Alsazia non è consentita la mescolanza di diversi Grand Cru, di fatto la famiglia Kientzler decide di dedicare la Cuvée ai tre antenati: François il nonno (3a generazione) e Alphonse bisnonno e trisnonno (2 ° generazione - 1a generazione)!

    Scheda del vino >
  • ( III ) André Kientzler Gewurztraminer Grand Cru Osterberg 2012

    Osterberg è un Grand Cru di 24,60 ha di superficie, posizionato a ridosso della cittadina di Ribeauvillé tra i 250 e 350 m., i Kientzler ne detengono un piccolo appezzamento di appena 1,15 ha dove oltre a Gewürztraminer coltivano qualche filare di Pinot Gris e Riesling. Il suo bouquet con varie espressioni comunica con generosità evocando una serie di profumi accesi e stratificati tra di loro ma comunque estremamente varietali. Al palato, la sensazione fruttata si dilaga elegantemente intrecciandosi nella potenza minerale dai tratti morbidi e persistenti. Non sono da meno l’equilibrio, già fin d’ora, si mostra coeso nelle componenti glicerico/acido/sapide inoltre la tensione naturale del Osterberg si fonde a meraviglia con la generosità del Gewurztraminer. Questo vitigno in gioventù si pone fresco ed ampiamente aromatico perciò si possono apprezzare maggiormente le sue parti effimere assai coinvolgenti ed intriganti, col passare del tempo l’immediatezza odorosa cesserà il posto alla complessità gusto, olfattiva di natura speziata rendendolo nello stesso tempo più saldo e progressivamente più secco.

    Scheda del vino >
  • ( IV ) André Kientzler Muscat Grand Cru Kirchberg de Ribeauvillé 2014

    Muscat assieme al Riesling, Auxerrois e Pinot Gris si spartisce l’1,65 ha della collina di Kirchberg Grand Cru sui 11,40 ha totali, è una percentuale piuttosto esigua, e tenendo conto che la sua produzione regionale si aggira intorno al 3% - possiamo dire che siamo di fronte ad una nicchia alquanto singolare. Questo vitigno a bacca bianca molto delicato nella coltivazione e precoce nella raccolta, è uno dei vitigni alsaziani più datati, la sua prima comparsa risale all’anno 1522 nella località di Riquewihr, e nel 1789 per opera di Jean Michel Ortlieb viene catalogato ed esordisce nella lista ufficiale dei vitigni alsaziani. Vini ottenuti da questo ceppo definito aromatico si contraddistinguono per un’ampia ricchezza odorosa e moderata alcolicità, nelle annate regolari e generose come la 2014 concepiscono dei veri e propri fuoriclasse. Abbiamo un vino raffinato ed espressivo nei profumi senza essere esuberante, con un palato complesso e strutturato dotato di una sapidità più che presente. Un finale elegante, intrecciato alla morbidezza e dai risvolti leggermente amarognoli che si propaga in una lunghezza da maratona. Nei primi anni si potranno apprezzare le note sottili e varietali di Muscat accompagnate da un carattere minerale che con il passaggio del tempo diventerà sempre più dominante.

    Scheda del vino >
  • ( V ) André Kientzler Pinot Gris Grand Cru Geisberg 2012

    Le 500 bottiglie di questo vino provengono da una particella dalle dimensioni microscopiche che conta appena 0,7 ha. Incastonata fra le colline di Geisberg, uno dei più distinti Grand Cru alsaziani dove nelle condizioni del suo unico terroir maturarono grappoli con gradualità conferendo stabilità ed equilibrio. Pinot Gris o Gruauklaevner conosciuto anche con il nome di Tokay e Tokay - Pinot Gris che per anni sfoggiò sulle etichette delle bottiglie alsaziane, dal 1 aprile 2007 sostituisce definitivamente tale nome adottando la dicitura di Pinot Gris. Sono vini da caratteri decisi e strutture importanti, la loro innata tendenza ad essere grassi ed opulenti li rende assimilabili ad alcuni vini rossi, e lo stesso colore in determinate versioni potrebbe virare verso le sfumature rossastre più che verdoline. Questa è la situazione generale, prendendo in esame il nostro Geisberg invece, possiamo riscontrare senz’altro un’interpretazione del tutto singolare dove la generosità aromatica si contrappone alla solida struttura e una commisurata acidità snellendo la sua porta corposa. La bocca è pulita e rotonda, distinta dal frutto puro e preciso e leggermente asciutto. Propone già ad oggi un equilibrio elegante e una bellissima persistenza. Come in tutti i vini prodotti da Geisberg acquisiranno una maggiore complessità effettiva contrassegnata da note riconducibili alla natura del suolo, quindi una decisa mineralità frastagliata dalla presenza di idrocarburi di primo ordine.

    Scheda del vino >
  • ( VI ) André Kientzler Pinot Gris Grand Cru Kirchberg de Ribeauvillé 2014

    Nel Grand Cru Kirchberg mentre il Riesling e Il Muscat occupano le parti così dette migliori nel vigneto, il Gewürztraminer e il Pinot Gris riescono ad avere un successo notevole. Infatti un quarto della superficie che i Kientzler detengono di questo Grand Cru, precisamente l’1,63 ha, è dedita alla coltivazione di Pinot Gris. Un’equa spartizione tra le altre uve, ci dà una prova tangibile di come nella filosofia aziendale che, si pone un obbiettivo così arduo di ottenere numerosissime interpretazioni nei luoghi da conformazioni pedoclimatiche/geologiche diverse, tale esigenza diventa un elemento fondante della propria identità. La mano del produttore plasma la forma del vino che dalla natura ha acquisito la forza e i colori, e in rapporto alla sua sensibilità e la personale delicatezza concepirà un quadro unico ed irripetibile. In questo vino si riversa tutta l’essenza del tepore che irradia le morbide alture di Kirchberg, una lenta e completa maturazione dei grappoli conferisce l’armonia e la complessità. Le componenti si fondono magistralmente mostrando un palato profondo e un’acidità sorprendente per un Pinot Gris. Aromi puri al naso e all’assaggio, frutti bianchi, conchiglie e gesso lasciano lo spazio ai caratteri di una decisa e prevalente mineralità, estremamente condottiera! Ottimo vino per una serata importante, didattico, da collezione e da invecchiamento.

    Scheda del vino >